Lingua Sarda
 

Comune di narbolia

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Benvenuto a Narbolia

REGOLAMENTO PALESTRA

6000 CAMPANILI

Eventi nelle 4 stagioni

zippola

LE AZIENDE DI NARBOLIA

Lingua Sarda

Cando su sardu at a èssere limba ufitziale in Sardigna?

E-mail Stampa PDF
Minores o mannas chi siant, in s’Unione Europea sunt ufitziales 23 limbas.Custu cheret nàrrere chi sos atos e sos documentos printzipales ant a èssere bortados in custas limbas e chi sos sitos ufitziales de sa U.E. ant a tènnere contu de custa variedade de espressiones. De acordu cun su guvernu Ispagnolu, unos cantos testos ant a èssere bortados in catalanu, valentzianu,bascu e galitzianu.
Est craru ca su critèriu chi binchet in sa U.e. no est sa cantidade de sos faeddadores, ma sa “istatualidade” de sas limbas, su fatu chi siant ufitziales de un’ Istadu.Tanti pro si faer a cumprendere, s’ Irlandesu, dae sa prima die de gennàrgiu de su 2007 est limba de sa U.E., ca est limba ufitziale in Irlanda, mancari chi no est faeddadu dae prus de 250.000 pessones.
Su catalanu, su galitzianu, su sardu sunt limbas feddadas dae milliones de pessones, ma non sunt ufitziales, non sunt espressiones de un’ Istadu.
Evidèntzia manna de su fatu chi sa U.E. est un unione de istados e non de pòpulos.
E ite li podimus fàghere?
Forsis nois sardos dìamus pòdere gherrare pro èssere ufitziale in Europa, gherrende comente ant fatu sos catalanos, sos bascos e ateros, chi ant fortzadu sos governos pro otènnere dae sa U.E. una rapresentatividade pro custas limbas. E forsis dìamus a pòdere cumbìnchere su guvernu italianu a operàre in favore nostru in intro sa U.E.
Ma pro ite e comente? Cun cale fortzas nos movimus? Cun cale cara pedimus de èssre presentes in Europa, si non semus mancu presentes in Sardigna?
Mancu male oe, carchi cosa est cambiende. Su 18 de arbili de su 2006 sa giunta regionale at deliberau, pustis aer pigau in cusideriu sas normativas in materia de tutela de sas minorias linguisticas, a comintzai de s’ articulu 6 de sa Costitutzione, sa Carta Europea pro sas limbas regionales e minoritàrias de su 1992, sa lege de su 15 de nadale de su 1999 n°482 (Normas in materia de tutela de sas minorias linguisticas istoricas), sa lege regionale de su 15 de santugaine de su 1997 n° 26 (promotzione e valorizatzione de sa cultura e de sa limba de sa Sardigna).De totus sos dibàtitos chi in annos e annos si sunt fatos subra sa netzessidade de ufitzializare s’ usu de sa limba sarda, bidas sas cunventziones de incàrrigu a espertos in materia de limba sarda e pigadu a cunsideriu chi custos espertos ant elaboradu unu progetu de unificatzione linguistica, cun normas de referèntzia de impreare a manera isperimentale pro s’usu iscritu, a manera chi cunsetit de comintzare unu protzessu graduale chi punnat a s’ elaborazione de una limba Sarda Comuna, chi cheret rapresentare una “limba bandera” pro potentziare s’identidade colletiva nostra, in su rispetu de sa richesa manna de sas bariedades locales.
Sa giunta regionale at propostu cun cussa delibera de su 18 de arbili, de adotare a manera isperimentale sa Limba Sarda Comuna, chi at a pòdere èssere integrada, modificada e arrichida cun sos acontzos pretzisos; de andare prus a fundu, cun istudios ulteriores, in su lessicu, sa morfologia e un ortografia comuna a prus bariedades. In sa matessi delibera, at propostu de istituire “s’Ufìtziu de sa Limba Sarda” chi fiat prevididu dae su progetu “ Una limba pro guvernare” aprovadu dae sa Giunta Regionale cun deliberatzione n° 17/1 de su 26 de làmpadas de su 2003, in cunfromma a sa lege 482/99.
Amus dùncas sas leges chi nos cunsentint s’ufitzialidade de sa limba sarda, tenimus sa norma ufitziale pro iscrìere documentos puru, ma forsis nos mancat sa boluntade de “èssere” in sa limba nostra. Bois ite ndi pensàdes?
Tenimus sa boluntade de sighire custu caminu? Si ei insara su sardu at a èssere a beru sa limba nostra.
Ultimo aggiornamento Lunedì 26 Settembre 2011 08:22

Uffitziu de sa Limba Sarda

E-mail Stampa PDF
Ufficio della Lingua Sarda

Il Comune di Narbolia in data 01 aprile 2008 ha attivato S’ Ufitzìu de sa Limba Sarda, ovvero lo Sportello linguistico comunale, finanziato dalla Legge 15 Dicembre 1999, n° 482 recante "Norme in materia di tutela delle minoranze linguistiche storiche".

Il progetto denominato “Limba sarda: limba de s’identitade, limba de su mundu. Lingua sarda: lingua dell’identità, lingua del mondo”, ha come scopo la promozione dell’uso orale e scritto della lingua sarda sia all’interno dell’amministrazione sia nei rapporti con i cittadini, in conformità alla legge nazionale 482/99.

Il Comune di Narbolia ha inteso, in questo modo, promuovere l’utilizzo della lingua sarda non solo in ambito familiare e nella vita di tutti i giorni, ma soprattutto a livello di pubblica amministrazione e di linguaggio amministrativo, consentendo in tal modo di dimostrare come la lingua sarda sia in grado di competere alla pari con l’italiano. Pertanto lo Sportello linguistico è il riferimento istituzionale di cui il Comune di Narbolia si può avvalere per promuovere e valorizzare, a livello locale, la lingua e la cultura sarda, in attuazione di quelle che sono ad oggi le leggi di settore.

Così come indicato nel Progetto, lo sportello della lingua sarda del Comune di Narbolia, seguendo le direttive degli organi comunali competenti e dell'Ufficio della Lingua Sarda della Provincia di Oristano, ha svolto le seguenti attività:

Ha contribuito a rendere l’uso della lingua sarda “normale” nell’attività ordinaria dell’Amministrazione comunale, in particolar modo attraverso la traduzione e la diffusione in lingua sarda della modulistica, della documentazione prodotta dall’Amministrazione Comunale, dando particolare rilievo alla traduzione dello Statuto dell’ente, di alcuni Regolamenti, delle Deliberazioni, delle Ordinanze, delle scritte d’uso pubblico (Locandine avvisi di vario genere rivolti al pubblico ecc.) e della normativa di vario genere.
Per la traduzione degli atti e di tutta la documentazione, l’operatore di sportello ha fatto una scelta linguistica tenendo conto solo in parte della variante locale, in particolar modo per quanto riguarda il lessico; sono state applicate scelte grammaticali e ortografiche de sa “Limba Sarda Comuna”.

Ha curato i rapporti con gli sportelli linguistici degli altri Comuni, con la Provincia e con la Regione, partecipando alle iniziative promosse dagli stessi, quali seminari, attività di formazione, convegni e manifestazioni volte a tutelare e valorizzare la lingua sarda.

E’ stato realizzato, nel periodo ottobre – dicembre 2008, un corso di formazione rivolto al personale interno all'Ente e ai cittadini i quali hanno mostrato grande interesse e partecipazione all’iniziativa. Il corso di formazione, che aveva come principale obiettivo la conoscenza e le competenze sull’uso della lingua sarda nella redazione degli atti giuridici e amministrativi e nelle attività di comunicazione dei cittadini, ha permesso ai partecipanti di acquisire competenze, fino ad allora sconosciute per la comunicazione scritta (secondo le regole de sa Limba Sarda Comuna) e il superamento di numerosi pregiudizi relativamente all’uso del sardo nella vita pubblica. E’ stato un modo per prendere coscienza della situazione linguistica in cui si trovano i sardi, delle problematiche legate all’uso della lingua, dei pregiudizi che rischiano di far scomparire del tutto la lingua sarda. In modo particolare, attraverso la discussione e il confronto è emerso un reale interesse a conoscere la propria lingua e a riconoscersi in essa, acquisendo in questo modo maggiore coscienza della propria identità.
Inoltre, si è potuto constatare, con grande approvazione da parte di tutti, che non vi è alcuna difficoltà di comprensione nel parlare ognuno la propria variante locale. E’ stato molto interessante mettere a confronto le diverse varianti linguistiche, e capire la ricchezza della lingua sarda, in grado di permettere di parlare di qualsiasi argomento.


ORARI DI APERTURA AL PUBBLICO

Venerdì dalle 8.30 alle 14.00
Ultimo aggiornamento Lunedì 26 Settembre 2011 08:21

Notizie sui tributi

AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE PER LA NOMINA DEL REVISORE DEI CONTI PER IL TRIENNIO 2015/2016/2017

In esecuzione della determinazione del Responsabile del Servizio Finanziaria n° 2 del 13.01.2015 con la quale è stato approvato il presente avviso per l’avvio del procedimento finalizzato alla nomina del Revisore dei Conti ai sensi dell’art. 234 del D.Lgs. n° 267/2000. 

Visti: 
• L’art. 16, comma 25, del D.L. 13 agosto 2011 n. 138 il quale prevede “A decorrere dal primo rinnovo dell’organo di revisione successivo alla data di entrata in vigore del presente decreto, i revisori dei conti degli enti locali sono scelti mediante estrazione da un elenco nel quale possono essere inseriti, a richiesta, i soggetti iscritti, a livello regionale, nel Registro dei revisori legali di cui al Decreto Legislativo 27 gennaio 2010, n. 39, nonché gli iscritti all’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili. Con decreto del Ministro dell’Interno, da adottare entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, sono stabiliti criteri per l’inserimento degli interessati nell’elenco (…)”; 

... leggi tutto

 
Tu sei quì Servizi al cittadino Uffitziu de sa Limba Sarda